Scuola dell’infanzia di Charawe

Operativo:
estate 2007

Inaugurato:
ottobre 2008

Beneficiari diretti (aggiornamento 2015):
78 bambini, 3 maestre + 1 part-time (non stipendiata da WHY)

Partner Locale:
Comitato dell’asilo, Scuola di Charawe, Ministero dell’Educazione

Finanziatori (aggiornamento 2015):
Per il restauro: WHY, Fondazione Aiutare i Bambini / sostenitori privati.
Oggi la comunità locale contribuisce parzialmente alle spese ordinarie di mantenimento dell’asilo.
Le altre spese ordinarie, e quelle straordinarie, sono sostenute da WHY, ITASOLIDALE (iniziativa Solidarietà di impresa di ITAS Assicurazioni), sostenitori privati.

Stato progetto:
attivo

Interventi di WHY:

  • completa realizzazione
  • mantenimento costante della struttura
  • stipendio di insegnanti, cuoche, collaboratori
  • corsi di formazione degli insegnanti
  • pasti merenda per i bambini
  • fornitura del materiale scolastico
  • attività con i volontari

> LA STORIA DELL’ASILO
Charawe è un piccolo villaggio di 1.000 abitanti situato nella foresta di Jozani, unico parco naturale dell’isola. Per raggiungerlo è necessario percorrere 10 km nella foresta su una strada sterrata (rimessa in sesto e ampliata solo agli inizi del 2010, prima era terribilmente dissestata) oppure attraccare con una barca dalla baia di Chwaka. Ad oggi ancora non ci sono trasporti pubblici che lo raggiungono, e le persone si spostano a piedi o in bicicletta. Raramente giungono al villaggio mezzi a motore.

La nostra collaborazione con la scuola primaria inizia nel 2006, all’interno di un programma di sostegno per gli studenti dalla VI alla XII classe, per studenti disabili, casi di abbandono scolastico precoce e aggiornamento per gli insegnanti.

Presto ci si è resi conto della necessità di coinvolgere i bambini più piccoli in una struttura comunitaria prescolare in grado di intervenire preventivamente sulle ragioni che generano i fenomeni preoccupanti dell’abbandono scolastico – che a Charawe raggiunge percentuali altissime – e della tardiva iscrizione a scuola, che localmente avviene intorno ai 10-12 anni! Tali ragioni sono state individuate nella scarsa abitudine di stare in classe, di ascoltare un’insegnante, nella scarsità di materiali e stimoli e nella poca partecipazione dei genitori.

Assodato il bisogno di realizzare un asilo, la comunità ha da subito messo a disposizione una scuola coranica, dismessa, sistemata e adibita ad asilo grazie ai fondi della Fondazione Aiutare i Bambini di Milano. L’affluenza è stata da subito molto alta, e col tempo le richieste di iscrizione all’asilo sono aumentate a tal punto che presto si è valutata la necessità di realizzare una nuova struttura, più ampia e accogliente: il nuovo asilo – inaugurato nell’ottobre del 2008 – attualmente sorge all’interno del complesso scolastico di Charawe ed è stato realizzato grazie all’aiuto di una donatrice privata e del gruppo Gocce d’Amore.

> SITUAZIONE ATTUALE (aggiornamento 2015):
Oggi l’asilo di Charawe accoglie 78 bambini e dà lavoro a 3 maestre.
È stato fatto un incontro generale con tutte le maestre di WHY in data 30/12/2014, in cui si sono sottolineate le prospettive future, ribadendo la necessità che le comunità ed i comitati scolastici acquistino nel tempo una maggiore autonomia di gestione ed assumano maggiori responsabilità anche per quanto riguarda il reperimento di fondi per il mantenimento del servizio.

 

> ALCUNE FOTO DELL’ASILO

 

> Durante una consegna del materiale didattico: