Progetti di sviluppo per il volontariato

Trento – Incontri per i volontari dei campi a permanenza breve

Gli incontri preliminari sono tappe importanti per la preparazione dei volontari che si accingono a partire per l’esperienza a Zanzibar.
Pur trattandosi di soggiorni brevi (3 settimane) essi mettono alla prova i partecipanti sotto molti aspetti quali la convivenza, il lavoro di squadra, l’incontro\scontro con realtà e stili di vita profondamente diversi dai loro.
Per questo è importante offrire loro una preparazione preliminare, e lo facciamo attraverso questi cicli di incontri:

Incontri brevi

2 incontri di 3\4 ore l’uno durante i quali i futuri volontari si conoscono tra loro, approcciano la filosofia dell’Associazione, vengono informati con note tecniche, cominciano a lavorare tra loro. Con gli anni anche la nostra esperienza è migliorata, e abbiamo avuto la fortuna di poter contare sull’appoggio di professionisti che hanno impostato gli incontri in modo da poter davvero aiutare i nuovi volontari a capire meglio l’esperienza che andranno a vivere.

Incontro residenziale “due giorni”

L’organizzazione e la realizzazione della “due giorni” impegna ogni anno tanto tempo ed energie, serate e incontri preliminari tra i volontari “veterani” di WHY nella sede di Trento.
L’idea di organizzare un fine settimana residenziale è nato principalmente per aiutare i volontari a conoscersi meglio tra loro, per socializzare e iniziare a condividere le giornate e le attività (dai giochi, a quelle didattiche, alle pulizie!) in vista delle tre settimane nella casa “in condivisione” a Jambiani.

Questa è sempre una tappa molto importante della preparazione dei volontari prima della partenza: le attività proposte – alcune molto semplici e giocose, altre più specifiche e tecniche, alternate a momenti di riflessione e testimonianze di volontari già partiti negli anni precedenti, o anche a una semoplice partita di calcetto o a un ballo di gruppo – hanno come scopo principale proprio la necessità di “rompere il ghiaccio” tra gli aspiranti nuovi volontari.
Persone che non si conoscono (prima si incontrano solo ai due brevi incontri precedenti), diverse per età, esperienze e stili di vita cominciano a conoscersi e a scambiarsi idee, a praticare attività e collaborare insieme proprio come poi avviene una volta partite. I partecipanti possono muovere insieme i primi passi verso quell’amicizia che – ci si augura – li accompagnerà nelle tre settimane di permanenza a Zanzibar, legame fondamentale per affrontare il periodo di stretta convivenza – non sempre facile – che le aspetta!