Un polo professionale rinnovato e un’offerta formativa ampliata

Tra il 2011 e il 2012 Why onlus ha realizzato la prima fase di un progetto per la costruzione di un polo professionale presso il villaggio di Jambiani, situato sulla costa sudorientale dell’isola di Unguja.
La costruzione principale, composta da due ali, è stata realizzata allo scopo di ottenere delle aule e dei laboratori atti ad ospitare dei corsi di formazione professionale.

Dal 2013 la struttura educativa ha ospitato quattro corsi di formazione: un’aula è destinata a corsi di informatica e di inglese, una è stata adibita ad un laboratorio di sartoria e una è utilizzata per i corsi di aggiornamento per le insegnanti delle scuole d’infanzia, che WHY sostiene da diversi anni, e per il personale medico della clinica locale.

L’offerta formativa è stata molto apprezzata e i corsi di formazione sono oggi molto partecipati.

Su sollecitazione del partner locale e delle autorità di villaggio, è nata dunque l’idea di ampliare l’offerta formativa.
Per tale ragione l’Associazione è passata ad una seconda fase con l’ampliamento e la riqualificazione dei locali esistenti.
Il presente progetto ha previsto quindi tre fasi di intervento: un ampliamento della struttura con la costruzione di una nuova ala per ospitare i corsi professionale di ceramica e falegnameria, una sistemazione delle aule già esistenti e l’organizzazione di un corso di formazione nel campo della ceramica realizzato insieme ad un partner trentino.

L’esecuzione del progetto a Zanzibar è iniziata con l’invio dall’Italia del container con le attrezzature necessarie all’allestimento del laboratorio di ceramica e con la realizzazione delle attività propedeutiche all’organizzazione del corso di formazione, in vista dell’arrivo del formatore Giuseppe Marcadent.

Il locale è stato arredato con tavoli da lavoro e sedie, scaffali e taniche per la conservazione dell’argilla.
All’interno è stato posizionato un forno professionale in materiale refrattario, fornito di termometro digitale con sonda, bruciatore esterno completo di pressostato per la regolazione della fiamma e bombole del gas.
Il laboratorio è stato allestito con tutti i materiali necessari alla realizzazione dei manufatti e il corso di formazione si è tenuto con successo.

Sono stati svolti in seguito i lavori di costruzione della terza ala del polo professionale e avviati i lavori edili di ristrutturazione del fabbricato esistente, seguiti da interventi minori volti a migliorare le strutture grazie a nuove finestre, infissi, porta per il passaggio pedonale e portone per l’accesso di macchinari di grandi dimensioni.

In seguito i lavori sono stati indirizzati alla parte impiantistica, con interventi volti a migliorare il sistema idraulico e quello elettrico nelle strutture già esistenti ed espanderli al nuovo edificio realizzato.

I lavori edili ed impiantistici si sono conclusi alla fine del 2018, quando è stata completata la tinteggiatura di tutti i fabbricati del polo professionale.

Terminati i lavori di costruzione, sono stati ripristinati gli spazi esterni intorno agli edifici, in particolare è stata sistemata la pavimentazione del cortile e dei vialetti, realizzata in ghiaia fine, e sono stati effettuati interventi di ripulitura della vegetazione tropicale nel giardino.

In concomitanza con le ultime fasi del cantiere è stato effettuato l’acquisto degli arredi e delle attrezzature necessarie per l’allestimento del nuovo laboratorio di falegnameria e per il miglioramento delle attività formative nelle aule destinate ai corsi di lingue e computer.

Nella primavera del 2019 sono ripresi i corsi di formazione e si è potuta constatare l’efficacia raggiunta dal progetto: attualmente nel polo professionale sono impegnati 6 insegnanti e 120 sono gli studenti iscritti che frequentano le diverse lezioni!